Valori Tattili

Progetto "Valori Tattili" in Accademia Carrara: visite guidate condotte da mediatori non vedenti
Tratto da Bergamo News

BERGAMO. Anche quest’anno prosegue il progetto “Valori Tattili”, che consiste in visite guidate aperte a tutti, alla scoperta di sei sculture della collezione del critico d’arte Federico Zeri, un percorso condotto da mediatori non vedenti appositamente formati. Non una normale visita guidata, ma un’esperienza tattile coinvolgente, un momento di conoscenza e approfondimento aperto a tutti: persone adulte cieche e vedenti pronte a cambiare punto di vista e a lasciarsi sorprendere da un’esperienza di visita a tutto tondo.

La particolarità di queste visite è presto detta. Solitamente, l’approccio nelle visite d’arte è diversificato per persone cieche e persone vedenti, dove alle prime è permesso toccare le sculture mentre alle seconde ciò non viene permesso, evidenziando di fatto implicitamente la disabilità dei non vedenti rispetto agli altri, permettendo l’uso del tatto ai primi e impedendola ai secondi, quasi come a dire che al vedente basta la sola vista per capire a fondo una scultura, mentre il non vedente cerca di supplire a tale gap con l’uso del tatto.

Nel progetto Valori Tattili, invece, l’esplorazione tattile, estesa sia ai vedenti oltre che ai non vedenti, fa sì che la fruizione dell’opera d’arte sia la stessa. Il vedente avrà sempre la vista come risorsa visiva per contemplare l’opera, ma il tatto resta pur sempre il senso che meglio ci permette di comprendere a pieno un’opera d’arte scultorea, restituendoci molte più emozioni rispetto allo sguardo.

Potrebbero interessarti anche...